Speciale Ferragosto 2010

Temperature in aumento con picco massimo previsto proprio per giorno 15. Cieli sgombri da nuvole sulle coste mentre saranno probabili degli addensamenti, sterili, sopra la quota dei 1100 mt.

Dal 16-17 situazione incerta per via di un netto cambio di circolazione, restate aggiornati.

La Redazione di CosenzaMeteo.it  vi augura un Buon Ferragosto.

Come evidenziato dalla precedente disposizione delle anomalie atlantiche (SST) approfondite nella scorsa analisi e ancora valida a 15 gg di distanza, anche dagli indici ( AO -  – | NAO – | PNA + ) confermano la direttrice della goccia fredda in distacco dal Vortice Polare che avrà come obiettivo proprio il Mare Nostrum. Ad agevolare questa discesa contribuiranno le ormai continue sortite meridiane dell'HP Azzorriano e dell'HP Russo-Siberiano creando la classica configurazione di blocco ad Omega.

Il tutto però non dovrebbe interessare il Meridione Italico almeno fino a giorno 15, consentendo a noi tutti di trascorrere un sereno ferragosto anche se con qualche grado di troppo.

Dal 16 invece le cose potrebbero cambiare decisamente. I modelli prevedono un movimento retrogrado della goccia in distacco dal vortice polare, ma visto il grande lasso temporale non è possibile ad oggi effettuare una previsione accurata in quanto queste situazione sono le più difficili in assoluto da prevedere. Ecco allora le due ipotesi pronosticabili:

 

OPZIONE 1 : La falla depressionaria presente ad Ovest della penisola Iberica potrebbe fare da calamita alla goccia in distacco. In questo caso avremo un forte richiamo dell'HP subtropicale proprio sulle nostre teste con un ulteriore intensificazione del caldo e venti che spireranno dal quadrante di sud – est (SCIROCCO).

OPZIONE 2 : L'HP Russo-Siberiano durante la sua risalita potrebbe cedere ed andare in isolamento, creando una falla proprio sulla sua spalla sinistra che attualmente protegge le nostre terre dalla goccia depressionaria in discesa. Si verrebbe ad annullare così l'effetto calamita della falla iberica, tutto l'impianto si sposterebbe di qualche centinaio di km a sud-est. In questo caso l'instabilità la farebbe da padrona con frequenti temporali e temperature in deciso calo, anche di 10°.

 

Al momento l'opzione 1 gode di un 70% di probabilità ma, dalla nostra esperienza e considerando le "strade" percorse in questa stagione dalle depressioni in rilascio ci sentiamo di dire che dal 16 l'opzione 2 potrebbe seriamente avverarsi.

Seguiranno aggiornamenti.

La Redazione vi rinnova  l'augurio di un Buon Ferragosto.


1 commento

  1. tonio

    Ciao a tutti,
    beh…"cielo sgombro da nubi" non direi!
    Abbiamo sudato freddo sull'alto Jonio. Per mezza giornata (fino quasi all'una) il cielo minaciava quasi pioggia. Interamente coperto…
    Metà pomeriggio è andato via via migliorando.
    Saluti
     

Lascia un commento