Re-Analisi 22/01/2010

Il peggioramento avvenuto nella tarda serata di ieri ha portato neve e gelo a partire dai 600mt, ma avrebbe potuto colpire anche a quote molto più basse….vediamo il perchè….

L'entrata del nucleo freddo è avvenuta all'incirca nel range orario 17-18  in seguito allo sfondamento della massa d'aria gelida proveniente dai Balcani.

Fonte www.meteocentre.comCome dimostra anche la sinottica, alle ore 18 era già attiva un'area depressionaria al largo del Golfo di Napoli che, grazie alla particolare posizione, permetteva un convogliamento contemporaneo di prp e massa gelida direttamente su Valle del Crati e Valle del Savuto, consentendo una discesa termica importante (circa 3° orari) e imbiancando i Comuni al di sopra dei 600mt.

Il minimo, come frequentemente accade in questi casi, non ha avuto vita lunga vista la scarsa profondità di cui era dotato (1017 hPa) dissolvendosi in fretta.

Successivamente si è attivato un minimo sul Golfo di Taranto che ha generato una rotazione dei venti portando instabilità in principio sulla fascia costiera tirrenica e successivamente su tutta la parte orientale della Provincia regalando accumuli sull'alto ionio e versante orientale della sila grande.

 

 

Questa invece è la situazione verificatasi alle ore 24 con annessa distribuzione dei venti.

Da notare come la direzione da Nord e la scarsa consistenza di instabilità non abbiano permesso lo sfondamento che avrebbe regalato la prima imbiancata stagionale su Cosenza.

La disposizione delle correnti evidenzia il passaggio del nucleo freddo ai lati delle coste calabresi, a causa gli impedimenti naturali rappresentati dal massiccio del Pollino e dalla Catena costiera.

Da segnalare per l'ennesima volta la grande capacità del cuscino del crati nel generare valori di tutto rispetto nonostante il grosso delle termiche attese siano state deviate. Con una -2,5° a 850hPa (rispetto ai -5° a 850hPa attesi) la valle ha fatto registrare picchi minimi di 0.3°

 

 

 

La Redazione


3 commenti

  1. luca

    Come stanno le cose ora possiamo auspicare la neve solo per Febbraio inoltrato. A grandi linee cosa ne dite?

  2. admin

    Da valutare la formazione di un possibile cuscino freddo per lunedì, al momento mancherebbero le prp.

    Per quanto riguarda il long range buone possibilità per fine mese-inizio febbraio.

     

    La Redazione

  3. luca

    Grazie mille. Rapidissimo!

Lascia un commento