PERCHE’ A CAPODANNO NON E’ NEVICATO? (ovvero….per quale motivo abbiamo avuto ragione noi, a dispetto degli annunci NEVOSI degli altri siti….)

La sera/notte di capodanno 2015, nella città di Cosenza, è stata contraddistinta da freddo, vento e precipitazioni di nevischio e/o acqua mista a neve.

Quindi nulla a che vedere con le "nevicate epocali" previste da alcuni siti nazionali molto famosi, ma neanche con le nevicate "certe" e abbondanti sbandierate da altri siti.

Noi di cosenzameteo.it, per tutti i giorni precedenti a Capodanno, abbiamo tenuto una linea prudente non fine a se stessa, ma corroborata da una buona conoscenza dell'orografia territoriale, che ci ha permesso di interpretare nel modo giusto ciò che i modelli matematici a scala sinottica e locale andavano sfornando di run in run (cioè di elaborazione in elaborazione): era vero, infatti, che il minimo al suolo in formazione sullo Ionio nella mattina del 31 dicembre, avrebbe provocato maltempo su tutta la Calabria e che le temperature si sarebbero mantenute basse nel cosentino (e da qui tutti gli altri siti a parlare di "nevone" a Cosenza)…..ma è anche vero che la Sila è una ottima barriera per tutte le correnti dei quadranti orientali, e che quindi il maltempo ionico, nella valle del Crati, sarebbe giunto "spompato", sfornando precipitazioni di ridotta intensità e consistenza….e così è stato….la nostra stazione meteorologica di Cosenza Sud,a San Silvestro, ha segnato 0,3 mm, mentre la notte dell'1 altri 0,6 mm, ovvero un totale d'evento di 1 mm!!!!

Detto questo, con la stessa onestà intellettuale con cui abbiamo voluto "autocelebrarci", dobbiamo ammettere che la nostra previsione, pur vicina alla realtà, non è stata "perfetta": in primis le precipitazioni si sono verificate con un certo ritardo (non nel pomeriggio/sera come indicato, bensì, nella sera/notte), in secundis neve a Vibo Valentia non se n'è vista, in tertiis si è registrato un aumento di temperatura anomalo nella valle del Crati non considerato nelle nostre previsioni.

Ebbene analizziamo proprio le cause di tale innalzamento non previsto dei valori termici nella tarda serata di San Silvestro.

Facendo riferimento al grafico delle temperature e dei venti della nostra stazione di Cosenza sud, alle ore 20:00 del 31 dicembre c'erano circa 2° con venti deboli. Poi, improvvisamente, verso le 20:45, irrompono forti raffiche di vento da NORD-NORD-EST di 30 km/h, e la temperatura schizza in alto raggiungendo in poco tempo i 4°: le precipitazioni cadono, pertanto, non più sotto forma di neve, bensì di nevischio, con piccoli fiocchetti costituiti da "pallini" ghiacciati.

 

1-CSsud

 

Le cause di tutto ciò, come si può osservare dal modello wrf-nmm (fonte www.meteociel.fr), sono da attribuirsi alla particolare traiettoria assunta dalle correnti al suolo guidate dal minimo ionico; correnti che provenienti da nord-nord-est, entrando dalla piana di Sibari hanno raggiunto facilmente Cosenza "guidate" dalla stretta valle del Crati.

 

2-vento a 975 hpa

 

Qui hanno generato raffiche di vento molto intense, anche di 50-60 km/h, come si può osservare dalle successive due figure delle raffiche previste per la notte di Capodanno, da confrontare al grafico precedente sull'andamento dell'intensità del vento alla stazione di Cosenza sud (dove si sono registrate infatti punte di 50 km/h):

 

3-raffiche

 

4-raffiche_zoom

 

D'altra parte tutti i modelli erano concordi con il prevedere una isoterma di -5° circa a 1430 m slm su Cosenza città:

 

5-t850

 

6-t850_zoom

 

 

Previsione confermata dalle temperature registrate dalla stazione di Botte Donato a 1900 m slm circa, che si è mantenuta costantemente per tutta la notte di Capodanno intorno a -8°:

 

7-botte donato

 

 

Solitamente, con tali valori termici in alta quota, e presenza di precipitazioni, la neve a Cosenza è garantita con temperature di circa 1°-1,5°. Infatti, semplificando, in caso di vento debole o al massimo moderato con presenza di precipitazioni, normalmente, si registra un gradiente termico verticale (detto "adiabatico saturo") di 0,5°-0,6° ogni 100 m: facendo due conti, con -8° a 1900 m slm, si sarebbero dovuti avere circa 0,5°-2° a valle a 200 m slm.

Eppure stavolta la temperatura è schizzata a 4°-4,5°, provocando solo "nevischio". Perchè?

Proprio perchè le forti correnti da NNE in ingresso dalla piana di Sibari, hanno rimescolato fortemente l'aria ai vari livelli, facendo avvicinare il gradiente termico verticale alla "adiabatica secca" cioè al gradiente di 0,976° (circa 1°) ogni 100 m…….in realtà facendo sempre i conti dell'oste, si vede che il gradiente è stato di circa 0,76°/100 m. Valore molto più alto degli 0,5°-0,6° atteso in caso di precipitazioni.

Se i venti al suolo non fossero stati da NNE, ma da EST (e per ottenere ciò sarebbe bastato un piccolo spostamento o una minima deformazione, imprevedibile, del minimo ionico), la Sila li avrebbe bloccati, nella valle del Crati avremmo avuto calma di vento, e Cosenza avrebbe vissuto una splendida anche se debole, nevicata di Capodanno con accumuli esigui di 1-3 cm.

Qualche tempo fa, un nostro utente, ci raccontò di quella volta che, recandosi a vedere un incontro di tennis a Wimbledon, rimase colpito dalla precisione delle previsioni meteo: "ci dissero che alle 11:00 sarebbe piovuto per una mezz'ora, ed a seguire cielo poco nuvoloso…..e così fece"….."accusando" noi meteorologi italiani di essere poco precisi.

Gli risposi che i motivi delle nostre "imprecisioni" erano causati: 1) dalla malafede di alcuni "colleghi" che pur di fare clic annunciano tragedie imminenti; 2) e, soprattutto, dal fatto che…..IL TERRITORIO INGLESE E' COME UNA TAVOLA DA BILIARDO, MENTRE QUELLO ITALIANO E, SOPRATTUTTO, CALABRESE, E' COME UNA GRATTUGIA con monti, strette valli e pianure in rapida sequenza….E SICCOME LE CONDIZIONI METEO SONO FORTEMENTE CONDIZIONATE DALL'OROGRAFIA DEL TERRITORIO, DA NOI FARE PREVISIONI E' ANCORA MOLTO MOLTO DIFFICILE ….E LO SARA' ANCORA PER TANTO TEMPO.

Noi di cosenzameteo.it, nell'elaborare previsioni meteo per la Calabria ci metteremo, come d'altra parte abbiamo sempre fatto sin'ora, grande passione supportata da conoscenza del territorio e competenza in campo meteo: questo è il massimo che sappiamo fare….per i miracoli…..rivolgetevi ad altri.

 

Buon 2015 !!!!

 

 

La redazione di www.cosenzameteo.it

immagine di copertina tratta da www.climatemonitor.it

 


Lascia un commento