Natale al “caldo”

Ultime ore invernali prima di un'ondata di "caldo" (relativamente per il periodo) che ci accompagnerà fino a Natale. La causa è da ricercare in sede Atlantica dove affondi nordici raggiungono le basse latitudini attivando risposte sub-Tropicali sul Mediterraneo centrale.

Da domani, quindi, tempo in miglioramento con cieli sereni o poco nuvolosi e temperature in sensibile aumento. L'aumento sarà notevole specie alle alte quote dove la colonnina di mercurio salirà anche di 10/12°C rispetto ai valori attuali entro la vigilia di Natale. Meno marcato l'aumento nelle zone di pianura, dove l'assenza di vento permetterà il ristagno di aria più fresca: le massime, comunque, potranno superare i 15°C.

Caldo anche nel giorno di Natale a causa di umidi e miti venti di Libeccio che anticiperanno una perturbazione Atlantica che, probabilmente, potrà apportare qualche pioggia nella giornata di Santo Stefano. Seguiranno aggiornamenti.


Lascia un commento