Irruzione artica: torna il vero inverno

Nelle prossime 24-48 ore deciso cambio di circolazione.

Ormai archiviata la fase stabile che ci accompagna praticamente da fine dicembre, ci apprestiamo a vivere un'altra ondata di freddo e neve, forse duratura.

Il blocco altopressorio (1040hPa) formatosi in Gran Bretagna, favorirà lo scorrimento di correnti fredde sul suo dorso orientale. Le masse d'aria gelida presenti sul nord-est Europeo si riverseranno sull'Europa centrale e raggiungeranno l'Italia dalla valle del Rodano.

Le temperature stanno già diminuendo sulle regioni settentrionali e continueranno a farlo anche nei prossimi giorni, con valori che torneranno sotto le medie stagionali e perderanno, rispetto agli ultimi 2-3 giorni, anche 10-12°C nei valori massimi.

Ma non sarà solo freddo sterile. Infatti, l'ingresso dell'aria fredda, oltre che al suolo anche in quota (-35°C), provocherà la formazione di un centro di bassa pressione nel medio Tirreno, che penalizzerà il tempo, già tra oggi e domani, al centro-nord.

Nel corso della giornata di venerdi e le prime ore di sabato il centro di bassa pressione tenderà ad approfondirsi traslando verso est e posizionandosi tra Campania e Lucania. Condizioni di maltempo diffuso interesseranno anche il centro-sud con piogge localmente moderate o forti e il ritorno delle nevicate sull'Appennino.

La -28°C a 500hPa e termiche tra -1°C e 0°C ad 850hPa, favoriranno nevicate fino a 900-1000m.

 

Le condizioni del tempo tenderanno a peggiorare ulteriormente nella seconda parte di sabato. Ancora precipitazioni diffuse, localmente intense e diffuse nevicate sui rilievi. Fenomeni localmente copiosi.

Le temperature tenderanno a calare gradualmente e di conseguenza anche la quota neve:

L'ingresso di una -32°C in quota e della -3°C al suolo permetteranno alla neve di scendere fino a quote collinari (4-500m) e non sono da locali episodi anche a quote inferiori nelle zone interne.

Situazione che rimarrà pressochè immutata anche nel corso della notte successiva fino al mattino di domenica.

Nella giornata di domenica ci sarà un lieve miglioramento del tempo ma solo dal pomeriggio-sera. Infatti, al mattino, la persistenza del minimo tra Basilicata e Puglia provocherà ancora diffusi rovesci, nevosi a quote collinari.

Schiarite via via più ampie si avranno in serata ma con conseguente crollo delle temperature che nelle zone interne risulteranno vicine allo 0°C o localmente inferiori. Gran freddo in Sila con colonnina di mercurio ben al di sotto dello zero.

Ancora incerto il proseguo ma con l'unica certezza che è il freddo. Seguite i prossimi aggiornamenti.


Lascia un commento