CONFERMATO: FREDDO FREDDO FREDDO IN ARRIVO ….E LA NEVE? VEDIAMO DOVE…..

Ancora conferme sull'aggravamento delle condizioni meteo che investirà la nostra regione da domenica 28 in poi.

Proviamo a tracciare, sulla base degli ultimi aggiornamenti dei principali modelli matematici (run 12Z di oggi 25 dicembre), una possibile evoluzione dettagliata di questo attesissimo peggioramento, tenendo ben presente che, data la lontananza del periodo di riferimento, alcuni dettagli potrebbero cambiare nelle prossime ore…..

Ecco quindi, le previsioni al momento più accreditate:

le danze dovrebbero incominciare nella notte fra sabato 27 e domenica 28, con l'irruzione nel mediterraneo di un nucleo di aria fredda in quota che genererà un minimo al suolo di 995 hPa in veloce scorrimento lungo l'adriatico, che convoglierà su di noi correnti occidentali o di libeccio capaci di apportare precipitazioni abbondanti su tutta la nostra regione (soprattutto sui versanti tirrenici) con nevicate che partiranno dalla quota di 1300-1400 m slm nella mattinata di domenica per poi scendere gradualmente, nel corso della giornata, sino ai 600-700 m slm su Calabria centro-settentrionale e sino a 1000 m slm sul resto della regione. Nella notte fra domenica e lunedì, o al più nella prima mattinata di lunedì, possibili deboli fiocchi di neve a quote più basse, forse anche sino 300-400 m su Calabria nord, sino a 500-600 sul resto della regione (qualche fiocco o acqua mista a neve potrebbe raggiungere anche la città di Cosenza).

Contestualmente all'esaurirsi delle precipitazioni ecco irrompere sulla nostra regione aria molto fredda di origine continentale, quindi molto secca: i cieli si rassereneranno e nella notte fra lunedì e martedì le temperature potranno scendere sotto lo zero anche nelle zone vallive, mentre sui monti si potranno raggiungere valori negativi a due cifre.

Il seguito ancora è nebuloso: il modello americano GFS vede la retrogressione di una goccia di aria fredda in quota che dalla penisola scandinava si staccherà dal vortice polare per poi tuffarsi velocemente nel Tirreno dando origine a una bassa pressione al suolo che, nel suo scorrimento verso sud-est, regalerebbe fra martedì 30 e mercoledì 31 nevicate anche abbondanti su tutta la regione oltre i 500 m su reggino, oltre i 200 m su catanzarese e vibonese, in pianura su crotonese e cosentino (sarebbero quindi imbiancate anche le città di Cosenza, Catanzaro e Crotone, oltre naturalmente Vibo Valentia che è posta molto più in alto).

Il modello europeo ECMWF, pur vedendo un affondo in quota analogo a quello previsto dal modello americano, lo reputa incapace di creare quella ciclogenesi tirrenica che regalerebbe la neve in Calabria, quindi si tratterebbe di una fine d'anno caratterizzata da tempo più stabile ma con temperature molto rigide causate da intensa tramontana.

Quindi occhio! L'inverno sta per cominciare….e quale miglior modo per seguirlo su www.cosenzameteo.it?


Lascia un commento