Cambio di Stagione

Seppur con molto ritardo, prima o poi doveva arrivare. Eccolo il cambio di stagione autunnale, pronto a dare l'avvicendamento ad un regime di alta pressione semi perenne tipicamente estiva, anche se c'è da dire che, sia la stagione estiva stessa che il mese di Settembre tutto, hanno chiuso sottomedia a livello termico ed in chiaro surplus precipitativo.

Ma ritorniamo a ciò che dovrebbe succedere nel prossimo futuro, già a partire da domenica 10 un nucleo di bassa pressione andrà ad isolarsi nel bacino del mediterraneo provocando il maltempo già apiamente spiegato e dettagliato nell'articolo di previsione in home. Questa perturbazione si trascinerà almeno fino a mercoledì quando gli ultimi nuclei interesseranno il settore Jonico della regione.

Configurazione, classica in regime di vortice polare forte, che andrà a ripetersi anche per il prossimo fine settimana, quando una nuova depressione atlantica ad onda corta, in collaborazione con l'azione pressante dell'alta pressione Azzorriana, si isolerà nuovamente nel bacino del mediterraneo provocando una nuova finestra di instabilità di circa 3-4gg

Nella terza decade del mese è molto probabile che il vortice polare aumenti ulteriormente la sua vorticità per via di un probabile sforamento della soglia NAM, a quel punto ci ritroveremo nella fase embrionale del primo step invernale, dove avremo un'alta pressione sempre più invadente che, in caso di sue spinte verso nord, genererà delle mini ondulazioni instabili provenienti dall'est europa quasi assimilabili a delle circolazioni secondarie, ma ancora troppo deboli per l'apporto di fenomeni di rilievo.

In tal regime la presenza di HP con venti prevalentemente da NE sarà il pattern dominante.

Restate aggiornati!

 

La Redazione


Lascia un commento