Bianco Natale in Sila; maltempo altrove

Feste natalizie con tempo prettamente invernale.

Solo un anno fa ci attendeva un Natale dal sapore primaverile, con temperature che nella notte tra 24 e 25 raggiunsero i 20°C in pianura, quest'anno, invece, la situazione sarà nettamente diversa. Seppur negli ultimi giorni abbiamo avuto giornate caratterizzate da clima mite, l'aria fredda è pronta ad irrompere nel Mediterraneo.

Nelle prossime ore i caldi venti meridionali prefrontali verranno spazzati via da correnti più fredde. Una perturbazione di origine nord-Atlantica si accanirà sull'Italia dove verrà a crearsi un campo di bassa pressione con minimo di 995hPa al Centro.

Domani tempo in netto peggioramento con rovesci diffusi, specie su zone Tirreniche e interne. Le precipitazioni potranno risultare di carattere temporalesco a causa dei contrasti termici tra l'aria mite prefrontale a quella più fredda in arrivo da NW. In giornata, però, la traslazione della perturbazione verso est permetterà l'ingresso dell'aria fredda con temperature in veloce calo e ancora maltempo, specie sulle Tirreniche, a causa delle correnti occidentali in quota. Ancora una volta le piogge risulteranno intense a causa dello stau della Catena Costiera e della Sila in queste determinate situazioni. Le temperature, come anticipato, caleranno, anche fino a 10°C in serata (rispetto a quelle attuali) permettendo il ritorno della neve sui rilievi Silani fino a 1200m.

Il giorno di Natale sarà ancora caratterizzato da maltempo diffuso con temperature in ulteriore diminuzione. La neve cadrà a quote via via più basse: i fiocchi potranno spingersi anche fino a 8/900m. Per le zone più alte della Sila (Camigliatello, Lorica) dopo diversi anni si potrà assistere allo spettacolo del Bianco Natale.

Residuo maltempo anche nella giornata di Santo Stefano con clima freddo e neve fino a 8/900m.

 

I migliori auguri dalla Redazione!


Lascia un commento