Ancora poche ore di calma…

In molti comuni della calabria si ha ancora a che fare con i postumi dell'ultima, seria, ondata di maltempo. Frane e smottamenti non si contano, così come i danni provocati dalle forti raffiche di scirocco. I modelli meteorologici, per i prossimi giorni, non ci lasciano tuttavia tranquilli. Lo schema barico che si verrà a proporre sarà caratterizato ancora una volta dal rilascio di una depressione, in seno alla circolazione ciclonica presente in atlantico, che percorrerà la stessa via già tracciata dal precedente fronte perturbato. In generale si potrebbe avere la seguente situazione:

Martedì:Peggioramento iniziale in mattinata a partire dai settori ionici, con maltempo in particolar modo su zone pedeaspromontane, serre vibonesi e sila piccola. Nel corso del tardo pomeriggio si assisterà ad un graduale peggioramento anche sulle zone settentrionali calabresi, con recrudescenza dei fenomeni soprattutto nel cosentino. Il minimo in transito attiverà venti di scirocco, com raffiche sui 40-50 km/h nei settori esposti. 

Mercoledì:Ancora instabilità diffusa, stavolta soprattutto sul lato tirrenico, a causa della rotazione delle correnti in quota verso i quadranti occidentali. Si avranno rovesci alternati a nuvolosità variabile. Mare da molto mosso ad agitato sui litorali jonici soprattutto in mattinata, ma con tendenza al miglioramento. Poco mosso o mosso il tirreno, con graduale aumento del moto ondoso dalla serata.

Giovedì:Situazione in stallo rispetto alla giornata di mercoledì. Precipitazioni ancora una volta più insistenti sul lato tirrenico, con cosentino e vibonese in pole quindi. Venti al suolo di libeccio con mar tirreno generalmente da molto mosso ad agitato. 

Un miglioramento graduale si avrà da venerdì. Ma, come sempre, vi rimandiamo ai prossimi aggiornamenti.


Lascia un commento